Insegnare inglese ai bambini in età prescolare

L’idea di insegnare una lingua a un bambino che deve ancora padroneggiare la propria può sembrare a dir poco scoraggiante. Tuttavia, per molti versi è un momento meraviglioso sia per imparare che per insegnare. Ecco alcuni suggerimenti per chiunque stia muovendo i primi passi nel mondo dell’insegnamento a Very Young Learner (VYL).

Si tratta di routine

I bambini hanno bisogno di routine. Li fa sentire al sicuro, protetti e fiduciosi su ciò che sta accadendo. Questo è vero per la loro vita quotidiana ma lo è ancora di più nell’aula di scuola dove possono capire poco della lingua usata, soprattutto all’inizio del corso. Le lezioni dovrebbero avere la stessa struttura ogni settimana, quindi, ad esempio, ogni lezione inizia sempre sedendosi in cerchio e cantando una canzone di saluto. In un mondo ideale la classe avrebbe zone contrassegnate per diverse attività, diciamo un tappeto e una selezione di storie per la zona di lettura e tavolini e sedie con attrezzature artigianali per fare lavoretti. Tuttavia, se ciò non è possibile, puoi sempre accontentarti di quello che hai purché lo spazio sia sicuro e accogliente. A parte i tavolini, un’area per il circle time è davvero fondamentale. Puoi usare qualsiasi cosa per tracciare un cerchio (tappetini colorati, flashcard o persino nastro adesivo) dove puoi presentare e praticare il linguaggio con la massima attenzione dei bambini.

Oltre alle routine per le diverse parti della lezione puoi anche pensare alle transizioni, spostarti da un’area o un’attività a quella successiva o riordinare.

Le routine tengono anche i bambini occupati e i bambini occupati hanno meno probabilità di fare pasticci! Quando si tratta di regole, i bambini più piccoli semplicemente non possiedono il linguaggio per seguire istruzioni esplicite. Il modo migliore per trasmettere le tue aspettative è lodare apertamente i bambini che stanno facendo quello che vuoi, il resto poi seguirà l’esempio. La cosa più importante è essere coerenti e corretti, poi presto capiranno. Ricorda che per molti VYL questa potrebbe essere la prima volta in assoluto in classe, è un’esperienza completamente nuova.

Il silenzio va bene!

Nessuno si aspetta un bambino appena nato inizi subito a fare quattro chiacchiere con i genitori, giusto? Un esempio sciocco che però spiega perché non dovremmo aspettarci che un bambino inizi a parlare in inglese già nelle prime lezioni. Krashen ha parlato del periodo silenzioso o di pre-produzione e dovremmo essere consapevoli che questo non significa che non stia succedendo nulla, anzi, al contrario. Gli ingranaggi ronzano dietro le quinte mentre i bambini elaborano la lingua. Possiamo valutare la loro comprensione attraverso attività ricettive, quelle che richiedono comprensione e non produzione. Un esempio potrebbe essere una caccia al tesoro. Dopo aver insegnato i colori, l’insegnante nasconde le flashcard colorate nella stanza. L’insegnante chiede quindi agli studenti di trovare le flashcard rosse. Fornisci molta esposizione alla lingua e con il tempo e, a tempo debito, anche i bambini inizieranno a produrla.

Sempre in movimento

I bambini dai 3 ai 6 anni non sono famosi per stare fermi – e nemmeno dovrebbero esserlo! Includere un sacco di movimento e attività cinestetiche nelle tue classi manterrà i bambini impegnati e può anche aiutare l’apprendimento: pensa alle attività di risposta fisica totale, come alzarsi, sedersi, saltare. Quale modo migliore per imparare se non facendo? Sfrutta la vivida immaginazione dei bambini e convincili a mimare gli animali e a giocare a “facciamo finta”. Oltre a muoversi fisicamente, le lezioni dovrebbero avere anche un buon ritmo. I periodi di attenzione sono brevi e dovremmo pianificare per questo, creando lezioni con una serie di attività brevi e un equilibrio di attività calmanti con quelle più attive, spesso indicate come coloni e agitatori.

Qual è l’obiettivo linguistico?

Un errore comune nell’insegnamento a VYL è che gli insegnanti possono essere così coinvolti nella preparazione di meravigliosi lavoretti, giochi e attività per mantenere i bambini impegnati e divertiti da perdere di vista l’obiettivo linguistico finale. Tieni a mente il tuo obiettivo, qual è il vocabolario o l’argomento che stai introducendo o praticando? In che modo il lavoretto o il gioco offriranno ai bambini l’opportunità di produrre o dimostrare la comprensione della lingua? In caso contrario, valuta se è il modo migliore per sfruttare al meglio il tuo prezioso tempo in classe.

È un vero onore lavorare con i bambini ed essere parte dei primi passi che intraprendono nel loro viaggio di apprendimento delle lingue. Sicuramente ci vuole una grande quantità di energia e molto tempo per una buona pianificazione e preparazione, tuttavia, le ricompense sono infinite.

Kate Knight è un’insegnante e teacher trainer freelance con sede in Regno Unito. Ha iniziato la sua carriera nell’ELT nel 2007 prima come insegnante, poi come insegnante senior, coordinatrice Young Learners e poi come direttrice accademica. Nei suoi vari ruoli di gestione accademica è stata mentore per centinaia di insegnanti. La sua passione è insegnare a bambini e ragazzi ed è la tutor principale dei corsi IHVYL e IHCYLT. È qualificata sia CELTA che DELTA.